lunedì 23 settembre 2013

Music Corner - Inflated Psychotic

E' uscito finalmente il videoclip al quale ho partecipato come comparsa ad Agosto! E' venuto davvero bellissimo! La band si chiama Dogmate e la canzone è "Inflated Psychotic".
Per maggiori informazioni visitate il sito dei Dogmate.


xoxo Connor



Questo è il testo della canzone
I am the strongest, I control the mind you control only the body,
look behind
I'm the best, I 'll crush you until I take away your breath, I got the power
soon you'll become my sweet sweet pets
look at him through the fire
Your next opponent
is stronger than the previously
more angry, more sweat, more difficult to bring down
inflated psychotic
you make me sick, between steroids and proteins
too many wasted years
you're wasting your energy, and when your muscles are tired
I'll repeatedly strike your weak spot ... look at me through the fire
I'm your opponent
You're not into my family
give angry, give sweat
inflated psychotic

giovedì 12 settembre 2013

Book Corner - La Luna Blu. Il percorso inverso dei sogni


Sinossi


"Così, viaggiando nel tempo, nei giorni, conosci milioni di anime. Ci parli, sorridi, le guardi, di tanto in tanto ti fermi, ricambi gli sguardi. Poi però riprendi il tuo cammino. D'improvviso ne incontri una che stravolge il senso del tuo percorso per sempre, mobilita inevitabilmente le vecchie prospettive territoriali e oserei dire anche l'origine del tuo cielo, la direzione dei tuoi occhi. Dopodiché nulla sarà più maledettamente uguale. Mai più. E nel preciso istante in cui te ne accorgerai capirai perché da tutto il resto sei sempre andato via."
Titolo: La Luna Blu. Il Percorso Inverso Dei Sogni

Autore: Massimo Bisotti
Formato: Copertina Flessibile
Pagine: 188
Editore: Ultra (27 Marzo 2013)
Collana: Ultra Novel
Prezzo: 14 Euro

Tempo Di Lettura: 3 giorni

________________________________
Una sera di fine Primavera ero in macchina con la mia amica Alessia, ci stavamo recando ad una cena con altri amici, e nel percorso mi è caduto l'occhio su un libro che aveva nel vano porta-oggetti della portiera accanto al sedile dove sedevo io. Le ho chiesto se potevo guardarlo, sapete quanto sono curiosa io, poi se si parla di libri sono più curiosa di un gatto messo davanti ad una scatola chiusa.
Mi son ritrovata tra le mani una copia di questo libro di Massimo Bisotti "La luna blu. Il percorso inverso dei sogni", e prima fra tutte mi ha incantata la copertina.
Lucida, con questa parte di luna gigante, di questo blu che si incontra solo nelle notti in cui vi riuscite a trovare in posti illuminati solo dalla luna piena. Ripeto: un incanto.
Sul retro del libro questa frase:
"Fai rumore nei sogni di qualcuno solo per farlo svegliare con il cuore felice. Altrimenti lascialo dormire."
Ho chiesto alla mia amica di cosa parlava il libro, se fosse un romanzo o un saggio, e subito la parolina magica è stata detta "è un romanzo".
BANG BOOM CRASH!!
Ecco, doveva essere mio, anche se ancora non avevo sentito parlare di cosa narrasse il libro. Lo dovevo leggere. Capricciosa. Quindi appena avuto la possibilità l'ho acquistato ed iniziato a leggere.
E' la storia di Meg una ragazza appena trentenne che vive a Torino facendo la traduttrice di libri, la sua migliore amica Meli lavora con lei e sono amiche sin dall'infanzia, si conoscono benissimo e non hanno segreti l'una per l'altra.
Meg è sempre attiva, sempre indaffarata, sempre con mille impegni, non ha tempo per l'amore, non vuole avere tempo per l'amore. Le sue storie fino ad ora sono sempre state dei gran fallimenti in quanto lei stessa troncava ogni situazione per evitare che andasse troppo avanti, forse per poco interesse, forse per paura, forse perché la persona giusta non era mai arrivata...
Ad un certo punto irrompe nella sua vita, nei suoi sogni, dai suoi sogni un certo George Cabot il quale le parla con parole che a volte lei conosce, o con parole che lei ha sempre sognato sentirsi dire dall'uomo perfetto. Lui, la porta in tutti i posti più belli che esistono, le parla con parole che vengono dal cuore, dall'anima, dai sogni, le parla del vero amore.
Ma non può vedere George quando vuole.
Meli si preoccupa per lo stato in cui Meg si è ridotta perché si è completamente isolata da tutto e tutti ed ha iniziato a vivere in un suo mondo, nel suo mondo dei sogni che però nelle loro conversazioni scoprono avere molte, troppe connessioni con la realtà, con un certo libro che si chiama "La luna blu" scritto da un'autore Inglese.
Meg inizia il suo viaggio alla scoperta di queste coincidenze e forse anche di se stessa.
Conversazioni tra lei e il suo sogno prima, poi con un'altra persona, che sono un continuo filosofeggiare, un cercare di estrarre la propria mente disegnandola con le parole, dandole tutte le infinite sfumature che possono avere le emozioni che si provano quando si racconta l'amore e quando si cerca di capirsi. Quando ci si guarda dentro.
Come sapete a me non piace fare spoiler nelle mie recensioni, ragion per cui non voglio aggiungere ulteriori informazioni riguardo la trama. Credo che questo sia abbastanza per racchiudere in un pugno di parole la storia che viene raccontata.
La particolarità della storia, oltre alla bellissima storia in sé, è lo stile ed il modo in cui viene fatto.
L'autore Massimo Bisotti ha uno stile narrativo molto particolare, sempre che particolare sia un termine ortodosso per indicare un letterato che gioca con le parole e il loro intersecarsi ed unirsi nei loro suoni e significati. Uno stile unico e proprio che credo solo la lingua Italiana può essere in grado di lasciar fare a chi ha amore per il nostro idioma.
Delle frasi che ti toccano il cuore, perché chiunque tu sia, in questo viaggiare con le parole, qualche cosa che fa vibrare le corde della tua anima, le troverai per certo.
Descrizioni in questo libro ce ne sono pochissime, ma non servono, non servono perché l'arte descrittiva è rivolta tutta verso forme astratte di marcatura di contorni di atteggiamenti, stati d'animo, reazioni, desideri ed emozioni.
In fondo il proprio costruirsi o l'essersi già costruiti una vita in un determinato modo, verso una determinata direzione, è in se una forma astratta, o se vogliamo solo una forma progettuale della concretizzazione delle cose che poi si rendono o meno reali nella nostra vita.
Ma in realtà dove portano tutte queste parole? Cosa portano? Portano alla descrizione dell'amore, di come ci si pone dinnanzi all'amore. E scusate se è poco.
Il titolo del libro "La luna blu" vorrei tanto spiegarvelo, ma il blu, la luna, sono tutti colori e sensazioni che permeano il lettore quando è immerso nel libro. Io potrei anche provarci, ma non so se il mio risultato può essere soddisfacente... anzi, lo lascio fare all'autore, prendendo in prestito le sue parole:
"La luna blu la vedi solo negli occhi di chi ami. 

E' il senso del mio libro, è il senso del tuo libro, perché ogni vita è un libro e in ogni libro ci sono vite reali che si toccano. 
Non bisognerebbe mai lasciare che si toccassero invano."

Si parla del blu come del colore che penetra più a fondo, avere paura del blu è come avere paura del profondo, ma si può sollevare l'ombra nera che copre il blu e tornare a guardare nuovamente fuori e riuscire a vedere.
Il libro di Massimo Bisotti è un quadro, una tela che lui dipinge con le parole scritte, le cui sfumature di colore sono i sentimenti e le emozioni delle parole stesse.
Le frasi del libro che vorrei conservare
"Ci sono belle donne, donne belle e donne che rendono la bellezza intelligente. 

Tu fai sì che la bellezza diventi giustizia, nella sua concezione ultraterrena di specchio perfetto fuori e dentro."

"La semplicità è essa stessa eccezione, qualcosa che rende improvvisamente speciali dei giorni normali."
"L'amore ha in sé una caratteristica inconfondibile e universale: l'assenza di limiti."
"Se mi domandi perché ti amo, io non so e non posso risponderti. 

E' semplicemente perché è te che voglio e vedo accanto a me, è semplicemente perché sono io che mi voglio e mi vedo con te, è solo perché siamo e in quel verbo c'è la vita."
"Le finestre nei sogni si aprono al contrario. 

Allora forse dovrei lasciar fare un percorso inverso ai miei sogni. 
Tu sei il percorso inverso dei miei sogni. 
O si svegliano o muoiono, non c'è una via di mezzo. 
In ogni modo è un moto circolare che riconduce sempre allo stesso punto."

"Se non sei tu l'amore, l'amore non esiste."
"Perché noi siamo sempre nel luogo dove si trova il nostro pensiero e non il nostro corpo."
"L'amore è uno, è l'unico possibile se vuoi chiamarlo amore."
"Amare una persona significa rapirle l'anima. Insegnarle quanto possa essere inesauribilmente bella, umilmente importante e potenzialmente infinita."
"-Credi nel destino?
 -Sì.
 -Ecco, ora smetti. Credi in noi."

"Il più bel ricordo che vorrei avere con te? Domani. La nostra notte preferita deve ancora venire."
"Allora prendi il mio meglio, prendi il mio peggio, impastali insieme e poi amami, solo così potrai dirmi ti amo veramente."
xoxo Connor
Foto by Connor
Disclosoure: questo prodotto è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale

sabato 7 settembre 2013

Book Corner - Io, Robot


Sinossi

"Pubblicata per la prima volta nel 1950, questa celebre antologia raccoglie i più significativi racconti che il più prolifico e famoso scrittore di fantascienza di tutti i tempi ha dedicato ai robot. È proprio in questo libro che Asimov detta le tre Leggi della robotica, che regolano appunto il comportamento delle "macchine pensanti" e che da allora in poi sono alla base di tutta la letteratura del genere. Vera pietra miliare nella storia della letteratura fantascientifica, Io, Robot, è anche una raccolta di stupende storie, ironiche, tenere, commoventi, divertenti;  racconti che mentre parlano di androidi ci svelano i lati più riposti della bizzarra natura umana."
Titolo: Io, Robot

Serie: Pre-Ciclo Dei Robot #1

Autore: Isaac Asimov

Formato: Copertina Flessibile

Pagine: 291
Editore: Mondadori (27 Maggio 2003)
Collana: Oscar Bestsellers
Prezzo: 11 Euro

Tempo Di Lettura: 3 giorni

________________________________
Isaac Asimov è un autore che da un po' di tempo volevo leggere. Per anni non sono stata per nulla interessata al genere letterario come la Fantascienza, anche se devo confessare che per quanto riguarda invece lo stesso genere cinematografico è stato per me sempre una passione! Tutti i vari sottogeneri della Sci-Fi come i film della saga di Star Wars, di Alien, oppure Independence Day, Apollo 13 e via dicendo.
Non potevo esimermi dall'essere incuriosita anche da questi libri! E così, detto fatto, sono entrati nella mia wishlist. A Marzo iniziai leggendo "Across the Universe" di Beth Revis, ed allora è scattata davvero la scintilla che ha acceso l'interesse anche per il genere letterario fantascientifico.
"Io, Robot" è cronologicamente, il primo libro che andrebbe letto per avvicinarsi al mondo di Isaac Asimov, una raccolta di racconti scritti tra il 1940 e il 1950 nei quali vengono elencate e spiegate le Tre Leggi fondamentali sulle quasi si basa la Robotica, e che sono alla base di tutte le seguenti opere di Asimov.
Quindi per capire il funzionamento di questo mondo è necessario passare per questo libro.
Ci sono personaggi che si ritrovano per più volte in questi racconti con le loro vite, le loro storie e i loro lavori. Sono rimasta fortemente colpita dall'attualità di alcuni argomenti e problematiche trattati in questi brevi storie, che si concludono in media in 30 pagine.
La fantasia dell'autore è un viaggio, che sono sicura, con tutti gli altri numerosi libri porterà ad esplorare l'idea incredibile dell'Universo e della tecnologia che si era creata nella sua mente e che sarà sempre in evoluzione, in ogni opera. Un futuro iper-tecnologico immaginato da un uomo che scrive questi racconti,  in un periodo che viene attraversato dall'incredibile dramma della seconda guerra mondiale, che non ha risparmiato il dolore a nessun uomo e a nessuna donna, neanche nel più remoto angolo del mondo.
In questi racconti troviamo delle menti robotiche molto acute, che sono protagoniste di storie che mi hanno, con mia grande sorpresa, divertita, e anche commossa, sono avvincenti, ma mai brutali o estremamente negative. Sempre cariche di positività e speranza.
Ogni racconto si apre con una problematica da risolvere, come se fosse un quesito o un enigma, che attraverso l'interpretazione e l'applicazione delle Tre Leggi bisogna cercare di risolvere. Ci vuole una mente molto arguta per riuscire a risolvere la questione ed arrivare al punto prima delle spiegazioni dell'autore, ma vale la pena provare!
Dal libro è stato tratto un film "Io, Robot", con Will Smith, che ovviamente ancora non ho visto anche se è uscito diversi anni fa. Da quello che ho potuto capire leggendo la trama della pellicola, nessuno dei racconti è stato rappresentato nel film, ma sono stati presi solo alcuni spunti, e i nomi ed i ruoli di alcuni personaggi (come la robopsicologa Susan Calvin, e il direttore della U.S. Robots Alfred Lanning).
Soprattutto sono state riportate le famose Tre Leggi della Robotica come spiegate nel libro, e ampliate dalla legge 0 (zero), ma di questo l'autore ne parlerà più avanti nei prossimi libri.Questo è il trailer in Italiano del film



Nel 1977 esce un album di Alan Parson Project con il titolo "I, Robot" proprio ispirato a questo libro, ho trovato su YouTube proprio la title-track, ovvero la canzone che porta il titolo dell'Lp. Meravigliosa.
Cd consigliatissimo come colonna sonora ufficiale per la lettura dei libri di Asimov!
Visto che leggere questa prima opera è stato emozionante e divertente, ora sono davvero molto curiosa di sapere cosa possono riservare tutti gli altri libri, e scoprire che mondo grande, anzi, che Universo è riuscito a creare Asimov.

Il libro negli Stati Uniti è stato pubblicato per la prima volta nel 1950, mentre in Italia la prima edizione è uscita nel 1963, e da allora i libri di Asimov non hanno mai smesso di essere dei capisaldi nella Letteratura del genere.
xoxo Connor

Foto by Connor
Disclosure: Questo prodotto è stato acquistato da Connor a scopo di uso personale